Controllo del liquido amniotico

L'Amniotic Fluid Index (AFI), è una metodica relativamente recente per la valutazione quantitativa del liquido amniotico, di facile esecuzione e riproducibilità, eseguibile anche da persone poco esperte in ecografia, che ha sostituito l'amnioscopia, più indaginosa e meno precisa.
Con un normale ecografo, si valuta la quantità di liquido amniotico che circonda il feto, si ottiene così un valore numerico espresso in centimetri o millimetri. Solitamente una normale quantità di liquido amniotico è compresa tra i 5 ed i 20 centimetri. Quando il valore supera i 20 centimetri si potrà indicare un Polidramnios (liquido amniotico in eccesso), che non necessariamente indica la presenza di una patologia, essendo di normale riscontro nei feti grossi. Quello che interessa, sopratutto al termine della gravidanza, è il riscontro di un AFI inferiore ai 5 centimetri, in questo caso viene indicato un Oligoidramnios (liquido amniotico scarso). L’oligoidramnios, non indotto dalla rottura del sacco gestazionale, potrebbe essere, a termine di gravidanza, un indicatore di mal funzionamento della placenta. In questo caso vengono attuate tutte quelle precauzioni utili a proteggere il feto, come un aumento dei monitoraggi sino all’espletamento indotto del parto.